Regina degli Apostoli

Quadro su tela di giovanni Battista Conti (1932)

Don Alberione scrisse: “E’ bello, è devoto, è grande!” (CISP 15-04-1935)
L’Arrivo del quadro un lunedì di Pasqua descritto su “Madre di Dio”

La spiegazione dell’immagine del Beato Don Giacomo Alberione

Leggendo l’immagine si notano 14 personaggi di cui 2 estranei ai 12: Giuseppe, in alto a sinistra, accanto alla Regina degli Apostoli e San Paolo, in basso a destra. Quindi: al centro, Pietro, Giovanni e Giacomo il maggiore, i 3 apostoli particolarmente vicini a Gesù; in basso a destra San Paolo; sopra di lui sant’Andrea con la croce che lo contraddistingue e davanti a lui Filippo, sempre con lui nominato, in preghiera; a sinistra Giacomo di Alfeo, il minore, con la penna in mano, autore della lettera omonima e capo della comunità cristiana di Gerusalemme; Bartolomeo che regge la pelle del martirio, e vicino Giuda Taddeo, autore della lettera omonima, con l’ascia del suo martirio; sopra di lui l’evangelista Matteo con la penna in mano, e alle sue spalle Giuseppe, lo sposo di Maria, che regge il simbolo della sua fedeltà coniugale. Nel clima della Pentecoste, quattro Apostoli sono rappresentati in preghiera con le mani giunte: 3 vicini a sant’Andrea: Filippo, Tommaso, Simone il Cananeo; il quarto è Mattia dietro a Giacomo di Alfeo, il minore, in basso all’estrema sinistra. I due in più, rispetto ai Dodici, sono dunque San Giuseppe e San Paolo.

Recita mensile della coroncina dedicata alla Regina degli Apostoli composta dal Beato Don Giacomo Alberione

Il primo Sabato del mese è dedicato a Maria Regina degli Apostoli,per conoscere, amare, pregare sempre di più la Regina, la Madre e la Maestra nostra Maria

1– Amabilissima Regina del Cielo e della terra, figlia prediletta del Padre, eccelsa madre del divin Figlio, sposa gloriosa dello Spirito Santo, io venero e lodo quel privilegio, unico al mondo, per cui, piacendo al Signore nella tua umiltà e fede, conservando la più illibata verginità, divenisti la grande madre del divin Salvatore, nostro Maestro, luce vera del mondo, sapienza increata, fonte di ogni verità e primo apostolo della verità. Hai dato al mondo a leggere il libro: il Verbo eterno. Per il gaudio ineffabile che provasti e per quel privilegio così sublime, benedico l’augusta Trinità e ti prego di ottenermi la grazia della sapienza celeste, di essere umile e fervente discepolo di Gesù, figlio devoto della Chiesa, colonna di verità. Fa’ risplendere sino ai confini del mondo la luce del Vangelo; sconfiggi gli errori; raduna attorno alla cattedra di Pietro tutti gli uomini. Illumina i dotti, i predicatori, gli scrittori, o Madre del buon consiglio, o sede della Sapienza, o Regina dei Santi.

  • Regina degli Apostoli, prega per noi!

    2– O Maria Regina degli Angeli tutti, piena di grazia, concepita senza macchia, benedetta fra le creature, tabernacolo vivente di Dio, ricorda il doloroso e solenne istante in cui il moribondo Gesù dalla croce ti donò per figlio Giovanni, e in lui tutti gli uomini, e specialmente tutti gli Apostoli. Quale tenerissima carità inondò in quel momento il tuo cuore per le anime consacrate all’apostolato, alla sequela della croce, all’amore di Gesù. Per i dolori ineffabili tuoi e del tuo divin Figlio, per il tuo cuore di Madre, o Maria, accresci la gloriosa schiera degli apostoli, dei missionari, dei sacerdoti, delle vergini. Risplenda in essi la santità della vita, l’integrità dei costumi,la soda pietà, l’umiltà più profonda, la fede più ferma, la carità più ardente. Siano tutti santi, sale purificante della terra e luce del mondo.
  • Regina degli Apostoli, prega per noi!

    3 – O Vergine candidissima, augusta regina dei martiri, stella mattutina, sicuro rifugio dei peccatori, rallegrati per i giorni in cui sedesti maestra, conforto e madre degli Apostoli nel cenacolo, per invocare ed accogliere il divin Paraclito, lo Spirito con i sette doni,amore del Padre e del Figlio, rinnovatore degli Apostoli. Per la tua stessa onnipotenza supplichevole, per quelle tue umili ed irresistibili preghiere che commuovono sempre il cuore di Dio, ottienimi la grazia di comprendere il valore delle anime, che Gesù Cristo riscattò dall’Inferno col suo preziosissimo sangue. Possa ognuno di noi entusiasmarsi per la bellezza dell’apostolato cristiano; la carità di Cristo ci sospinga, ci commuovano le miserie spirituali della povera umanità. Fa’ che sentiamo nel nostro cuore i bisogni della fanciullezza, della gioventù, della virilità, della vecchiaia: che la grande Africa, l’immensa Asia, la promettente Oceania, la travagliata Europa, le due Americhe, esercitino un fascino potente sulle nostre anime; che l’apostolato dell’esempio e della Parola, della Preghiera e della stampa, del cinema, della radio, della televisione [e dei moderni mezzi della comunicazione sociale], delle anime purganti, conquisti tanti cuori generosi, fino all’estremo sacrificio. O Madre della Chiesa, o Regina degli Apostoli, o avvocata nostra, a te sospiriamo, gementi in questa valle di lacrime.
  • Regina degli Apostoli, prega per noi!

    4 – O nostra tenera madre Maria, porta del Cielo, sorgente di pace e di letizia, aiuto dei cristiani, fiducia dei moribondi e speranza anche dei disperati, io penso al momento fortunato per te, quando lasciasti la terra per volare tra le braccia benedette di Gesù. Fu la predilezione onnipotente di Dio che bella e immortale ti assunse al Cielo. Ti vedo esaltata sopra gli Angeli e i Santi, i Confessori e i Vergini, gli Apostoli e i Martiri, i Profeti e i Patriarchi; e anch’io dal fango delle mie colpe oso unire la voce di un colpevole indegno, ma pentito, per lodarti e benedirti. O Maria convertimi una buona volta. Dammi una vita penitente, perché possa avere una morte santa e possa un giorno confondere con quella dei Santi la mia voce e lodarti per sempre in Paradiso. Io mi consacro a te e per te a Gesù; rinnovo, qui consapevole e alla presenza di tutta la corte celeste, le promesse fatte nel santo Battesimo. Ripeto il proposito, che depongo nel tuo cuore, di lottare contro il mio amor proprio e far guerra senza tregua al mio difetto principale, che tante volte mi ha gettato nella colpa. O Maria, procurati la gloria più bella: cambia un gran peccatore in un gran santo, o rifugio dei peccatori, o stella mattutina, o consolatrice degli afflitti.
  • Regina degli Apostoli, prega per noi!

    5 – O Maria, stella del mare, dolce sovrana, mia vita e regina della pace, quanto fu grande e quanto dolce il giorno in cui l’augusta Trinità ti incoronò Regina del Cielo e della terra, dispensiera di tutte le grazie, madre nostra amabilissima; quale trionfo per te! Quale felicità per gli Angeli, per i Santi, per la Terra, per il Purgatorio! Lo so, o Maria, chi ti ama sarà salvo e chi ti ama tanto sarà Santo e parteciperà un giorno al tuo trionfo in Cielo. Io non dubito della tua clemenza né della tua potenza, temo la mia incostanza nel pregarti. Ottienimi la perseveranza, o Maria; sii la mia salvezza. Sento le mie passioni, il Demonio, il Mondo. O Maria, tienimi stretto a te ed al tuo Gesù! Non lasciarmi cadere, non ti allontanare un istante, o Madre. E’ dolce rivolgere a te il primo sguardo al mattino, camminare sotto il tuo manto nel giorno, addormentarsi sotto il tuo sguardo la sera. Tu hai sorrisi per i fanciulli innocenti, robustezza per la gioventù che lotta, luce per la virilità che lavora, conforti per la vecchiaia che attende il Cielo. O Maria, a te consacro la vita intera, prega per me adesso e nell’estrema lotta sul letto di morte. Accogli l’anima mia quando sarà spirata e non lasciarmi che quando io potrò prostrarmi al tuo trono in Cielo, per amarti tutta l’eternità. Maria, mia Regina, mia Avvocata, mia Dolcezza, ottienimi la santa perseveranza.

L’anima mia magnifica il Signore
e il mio spirito esulta in Dio salvatore,
perché ha guardato l’umiltà della sua serva.
D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.
Grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente
e Santo è il suo nome:
di generazione in generazione la sua misericordia
si stende su quelli che lo temono.
Ha spiegato la potenza del suo braccio
ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;
ha rovesciato i potenti dai troni
ha innalzato gli umili;
ha ricolmato di beni gli affamati
ha rimandato i ricchi a mani vuote.
Ha soccorso Israele suo servo
ricordandosi della sua misericordia
come aveva promesso ai nostri Padri
ad Abramo e alla sua discendenza per sempre.
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo,
come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli.
Amen